ChroniquesitalienSociété

Parlare italiano mi é mancato terribilmente.

 

 

marchio-pace.jpg

Non mi ricordo aver scritto qual’cosa in italiano da dieci anni, stà mattina, ho deciso di provare di scrivere un testo per ricordarmi un poco di quello che ho imparato, giovanissimo, con la RAI e che ho confirmato dopo con un diploma di terzo grado di lingua e litteratura Italiana.

In fatti, volevo solo vedere dove potevo andare e quante errori potevo evitare scrivendo qualcosa nella lingua di Dante, allora spero che tutti i commenti su questo posto saranno in italiano.

Questa nota non sara un messaggio particolare che ho voluto mandare a qualsiasi persona he lo leggera, ma volevo parlare di un soggetto che ha fatto che tutta la sfera dei blog tunisini ha trattato e che e stato un soggetto di una grande controversa e che, personalmento, ho trovato sensa alcun’ interesso e alcun’ senso.

I fatto che un blog gay ha stato aggiunto all’aggregatore tunisino Tn-Blogs, ha fatto che tutto il mondo mostra una revolta senza uguale, volevo lasciare questa polemica passare per parlarne tranquillamente.

Internet ha sempre stato l’incarnazione della liberta sopratutto per qualche società come le nostre, società di repressione, di intoleranzae e di manco di possibilita per esprimersi su soggetti che potrebbero presentare qualunque risco per la persona che lo dica o lo pensa per certi casi.

Consernando la polemica di quello blog gay tunisno, penso che la sfera dei blog tunisini non deve essere una communita chiusa, ma dovrebbe rappresentare una micro-società, un esemplare socioeconomico e socioculturale dell’ambiente tunisino.

Certa gente vorrebbe che questo mondo sia eseplare secondo la loro mente e la loro mentalità, dimenticando di solito che sono in uno spazio che appartiene a tutti e dove ogni uno é libero di sprimersi e d’esistere.

Gay, lesbiane, transessuali, andicappati, albinos, belli, brutti, ricchi, poveri, educati, stronzi e altri, fanno parte di questa tunisia, allora perché certa gente non dovrebbe fare parte di questa sfera?

Perché tutta questa intoleranza? Tutta questa seggregazione? Vengono a gridare libertà e poi vengono a esprimere la loro indiniazione rispetto a questa liberta che appartiene a tutti.

Se un giorno, un uomo politico tunisino, veniva ad aggiundersi a questa sfera, quale sara la riazzioné di tutti quelli che hanni rifiutato la presenza di quello blog gay? Se per esempio un poliziotto o una persona che é appena uscita di prigione veniva ad aggiundersi alla sfera?

Qualché volta vorrei capire come questa gente pensa, ho stato veramente dicevuto della riazione di un aico, Maxula Prates, che non ha soltanto rifiutato la presenza di quello blog ma ha chiuso il suo blog e ha cambiato aggregatore.

Penso che ogni uno é libero di pensare e di scrivere quello che penza e che gli altri sono anche liberi di leggere o no quello che ogni uno ha scritto, se il suo blog non ti piace, non ci vai, se le sue tendenze sessuale non ti piacciono non sei costretto a farne un amico, se le sue idee non ti vanno, non sei costretto a seguirli, ma potete vivere nella stessa società, sopratutto che tn-blogs appartiene ad un altr’a persona, e che é libera di aggiungere qualunque persona che lui desidera aggiungere.

Il fatto che certe persone hanno detto che volevano andare via di tn-blogs, sono liberi di farlo, ma non capisco perché lo dicono e gridono all’ingiustizia, non venite sul aggregatore, e non andate sui blogs che non ti piaciono.

Anchio sono un membre di questa sfera, mi piace tantissimo, ci troviamo di tutto, politici, studenti, ricchi, poveri, idée buone, brutte, cose che fanni ridere, cose che fanno piangere, cose che mi fanno schifo, cose che mi rivoltano, ma ci rimango, perché abbiamo la scelta di leggere quello che ci piace.

Sono qui da tanti anni già, non mi ricordo che ci erano polemiche, prima che certa gente é venuta, la liberta non ti permette solo di prendere, ma ti costringe a dare, allra date questa liberta agli altri!

Vivere e lasciare vivere, quella e la soluzione.

Mi dispiace se ho fatto tanti errori, ma spero farne meno la prossima volta.

14 réflexions au sujet de « Parlare italiano mi é mancato terribilmente. »

  1. ciao, il tuo italiano non è male 🙂 e nemmeno quello che dici. imparare a tollelare chi è diverso da noi è il primo passo verso la civiltà. ora, non sono in tunisia e non voglio entrare in polemiche della tunisia, ma dico solo questo:
    l\’omosessualità non è una malattia, è solo un gusto personale. 1 ragazzo ogni 10 è omosessuale, 5 uomini ogni 10 hanno almeno 1 esperienza omosessuale nella vita…Bamboutch & Bamboutcha, mi spiace per te, ma se non sei capace a capirlo sei un idiota…(o forse solo un omosessuale represso). L\’eroe greco Achille era omosessuale, Sparta era una società omosessuale, Giulio Cesare era Bisessuale (sia con uomini che con donne), Michelangelo era omosessuale, Leonardo era omosessuale…la storia è stata fatta anche da omosesuali…cercate di capire cosa significa.

  2. grazie mille Fede!
    credo che la maggior parte dei tunisini rimangono intoleranti ai omosessuali!

    e dredimi c’é abbiamo tanti che sono omosessuali ripressi e che si sforzano di negarlo!

    il piu importante é che c’é gente cha capisce!
    🙂

    grazie peril passagio!

Laisser un commentaire

Votre adresse de messagerie ne sera pas publiée. Les champs obligatoires sont indiqués avec *

Ce site utilise Akismet pour réduire les indésirables. Apprenez comment les données de vos commentaires sont utilisées.